Dalla Norvegia all’Umbria: diritti umani e rispetto

Messaggio del presidente Antonio Stango per la premiazione del concorso “Fai crescere il rispetto dal tuo cuore” – Foligno, 20 maggio 2017

 

Cari amici, nel confermare il sostegno e il plauso per gli organizzatori, per le scuole e per i ragazzi che hanno preso parte al concorso, vi invio un saluto mentre sono in viaggio verso la Norvegia. Dovrò infatti tenere una relazione, oggi pomeriggio, all’Istituto Italiano di Cultura di Oslo sul tema
Hominum causa ius constitutum est – Il diritto è stabilito per il bene degli uomini. Si tratta di un seminario sul ruolo del diritto, delle leggi, delle Convenzioni internazionali per la difesa e la promozione dei diritti umani, causa alla quale ho dedicato la mia vita, e si tiene in occasione dell’annuale Oslo Freedom Forum.

Ad Oslo torno meno di un anno dopo avervi coordinato il VI Congresso mondiale contro la pena di morte, che ha fatto registrare alcuni importanti progressi in questa campagna perché un giorno la giustizia, che deve essere rigorosa ove occorra ed equilibrata sempre, sia liberata ovunque dalla componente di crudeltà vendicatrice che in troppi Stati ancora la macchia.

Rivolgerò particolare attenzione al ruolo storico dell’Italia per il diritto, che non soltanto ha profonde radici nella Roma antica ma che ha donato al mondo – pur fra gravi contraddizioni e con involuzioni drammatiche – le illuminazioni di Cesare Beccaria contro la pena di morte, la prima abolizione di questa in epoca moderna (nel Granducato di Toscana) e, negli ultimi decennî, quella grande speranza di progresso giuridico per tutta l’umanità che è lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale.

Temi di portata storica, dunque; ma insieme a questi esiste per ciascuno di noi anche una storia quotidiana, fatta di intima consapevolezza e di piccoli atti che però possono rendere la nostra vita migliore o peggiore, felice o triste, nobile o meritevole di biasimo. E di questi atti, di questa consapevolezza, il rispetto – al quale la vostra iniziativa ci ha richiamati indicandoci una qualità positiva da vivere anziché un atteggiamento negativo da sconfiggere – è certamente una delle componenti più importanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *